Ufficio a Firenze

Viale dei Mille, n. 73 Firenze

Tel./fax: 055.581958
Email: info@avvocatoboschifirenze.it

Orari di apertura / Lunedi – Venerdi / 08:00 – 19:00

Chiamaci Tel. 055.581958

#euriobor #tassi #interesse #interessibancari #tassovariabile #banca #banche

NEWS

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 34889 del 13 dicembre 2023, ha affermato che sono nulli i tassi che le banche hanno applicato ai mutui, ai finanziamenti o ai leasing indicizzati al tasso Euribor “fissato attraverso un accordo manipolativo della concorrenza da un certo numero di istituti bancari come accertato dalla Commissione Antitrust Europea”.
La vicenda trae spunto dalla sanzione irrogata il 4 dicembre 2013 dall’Antitrsut europea ad alcune banche europee, avendo costituito un’intesa per la determinazione dell’Euribor in violazione della concorrenza.
La nullità dei tassi, secondo la Corte Suprema, potrebbe essere accertata a prescindere dal coinvolgimento o meno degli istituti bancari, nell’intesa tendente a “manipolare “ il tasso EURIBOR
Potrebbe dunque aprirsi la possibilità, previa valutazione delle singole posizioni, di chiedere alle banche la rideterminazione degli interessi effettivamente dovuti con riferimento al periodo che corre tra il settembre 2005 ed il maggio 2008.
Con la pronuncia in oggetto la Cassazione ha ribaltato la precedente pronuncia di appello, la quale aveva ritenuto che la mera partecipazione di più istituti di credito al panel per la determinazione del tasso Euribor non implicasse la sussistenza di un’intesa vietata dall’art. 2 della l. 287/1990 e che, in ogni caso, assumesse valore decisivo il fatto che la banca finanziatrice non aveva partecipato all’intesa manipolativa della concorrenza oggetto di accertamento.
Più recentemente la Procura generale della Cassazione ha disposto la rimessione alla Prima Presidente per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite della questione, ritenendola decisione della Commissione, pur incentrata sulla illegittimità di tali pratiche, non esaustiva relativamente alla concreta incidenza delle pratiche illegittime sul valore dell’Euribor.
Ciò perché in mancanza di prova circa l’incidenza delle condotte illecite nella concreta determinazione del tasso Euribor appare arduo, per la Procura generale, sostenere la potenziale invalidità dei tassi di interesse che fanno riferimento all’Euribor, e ciò, soprattutto per le banche estranee a tali pratiche illecite.
Si attendono gli sviluppi e le pronunce.

 

Avvocato Nicola Boschi

Viale dei Mille, 73 – 50131 Firenze

tel./fax 055581958

cell. 3386578044

p.e.c. nicola.boschi@firenze.pecavvocati.it  

avvocatoboschifirenze.it